Glossario
Mercoledì 08 Giugno 2011 10:49
PDF Stampa E-mail

Glossario medico sulla CCM

Angiografia in Risonanza Magnetica
E’ in tipo di risonanza magnetica che viene impiegata per studiare i vasi sanguigni e il sistema circolatorio ed è utilizzata sia per le CCM che per altre patologie.

Arteria.
Un vaso sanguigno in cui scorre il sangue che parte dal cuore e raggiunge le altre zone del corpo. La pressione del sangue nelle arterie è molto alta ed è dovuta alla notevole forza che ha il cuore nel pompare. La lacerazione di un’ arteria causa un’ emorragia molto grave; le CCM non coinvolgono le arterie.

Calcificazione.
Il processo in cui un tessuto diventa più duro a causa di un deposito di sali di calcio tra il tessuto.

Capillare
I capillari sono piccoli vasi sanguigni che collegano le arteriole (sottili diramazioni delle arterie) e le venule. Sono semi – permeabili e permettono lo scambio di sangue e i suoi componenti con i tessuti circostanti. Alcuni ricercatori suppongono che le CCM abbiano inizio in capillari anormali.

Circulazione
Il movimento del sangue attraverso le diverse parti del corpo all’ interno di vene, venule, arterie, arteriole, capillari e vasi sanguigni

Contrasto
E’ un processo in cui della tinta al gadolinio viene iniettata nell’ apparato circolatorio di un paziente durante una risonanza magnetica per aumentare il contrastodell’ immagine permettendone un’ analisi migliore.

Emorragia
Viene così chiamata ogni fuoriuscita di sangue dai vasi. Le CCM mostrano tre tipi di emorragia ricorrenti:

  1. La malformazione può sanguinare in modo lento e costante senza creare particolari problemi. Una piccola emorragia può non richiedere l’ intervento chirurgico ed essere riassorbita dal corpo, ma in ogni caso, se l’ emorragia è prolungata nel tempo può indebolire sempre di più le pareti del vaso e causarne il deterioramento.
  2. La malformazione può sanguinare in modo importante tra le pareti del vaso tanto da causare, se non la rottura del vaso, una forte pressione sui tessuti circostanti.
  3. La malformazione può mostrare sanguinamento in un punto particolarmente debole che causa un’ emorragia aperta, ovvero che invade i tessuti vicini.

Emosiderina
E’ una proteina-deposito del ferro. Quando nella risonanza magnetica di un paziente si nota un anello di emosiderina intorno alla malformazione, significa che in passato c’ è stato un episodio emorragico.

Endotelio
Rappresenta lo strato di tessuto cellulare che delinea i vasi sanguigni e gli altri organi. Le CCM hanno le cellule dell’ endotelio che mancano del supporto delle cellule dei tessuti circostanti, cosa che le rende estremamente fragili.

Imaging SWI (Susceptibility Weighted Imaging)
L'imaging SWI  è una nuova  tecnica di risonanza magnetica che viene utilizzata nel neuroimaging. Questa tecnica sostanzialmente usa le differenze suscettibilità magnetica del tessuto per generare un segnale  completamente diverso da quello delle tecniche standard. Le sequenze  SWI offrono quindi  informazioni complementari alle immagini standard di risonanza magnetica, in modo da poter rilevare sui tessuti una suscettibilità diversa per l'eventuale presenza di  emosiderina, ferritina, e di calcio, che si possono presentare in molte patologie del sistema nervoso centrale.

Lesione
CCM Ogni tessuto anormale o danneggiato. Una CCM è considerata una lesione

Lesione De Novo
Una CCM che alla nascita non era presente. Lo sviluppo di lesioni de novo è il preciso marchio delle CCM familiari, nonostante possa accadere che le malformazioni siano dovute a radiazioni, traumi fisici o altri danni.

Lesioni/Anno
E’ un modo per misurare i cambiamenti nelle CCM nel tempo. Ad esempio, se la probabilità di un evento emorragico è dello 0,3 % per lesioni/anno, allora questo significa che se questo paziente ha una sola malformazione e vive per 75 anni ha il 22,5 % di probabilità di rischio emorragico (75 anni x 1 malformazione x 0,003 = 0,225 = 22,5 %). Se una persona ha 15 malformazioni e vive per 75 anni, significa che nel corso della sua vita avrà almeno 3 emorragie (75 anni x 15 malformazioni x 0,03 = 3,374 = 337,5 %).

Risonanza Magnetica (MRI)
E’ una metodologia di imaging utilizzata nello studio dei tessuti molli quali la materia cerebrale e la spina dorsale, che sfrutta il campo magnetico generato da un grosso magnetico e permette di riconoscere e distinguere atomi di idrogeno a seconda del tessuto in cui si trovano.

Sequenza Gradient Echo
E’ un tipo di risonanza magnetica molto efficace nell’ individuare le CCM.

Tomografia Assiale Computerizzata (TAC)
E’ una tecnica a raggi X che produce una serie di fotografie che riproducono sezioni consecutive del corpo umano. Le CCM possono essere individuate con una TAC ma risultano spesso difficili da distinguere dagli altri tipi di tumori, spesso a causa della risoluzione dell’ immagine che non permette un ingrandimento sufficiente.

Tessuto
Stesse cellule uniformate, con la stessa funzione, formano un tessuto.

Tumore
La crescita di un tessuto in cui la crescita e la moltiplicazione delle cellule avviene in maniera non controllata e progressiva. Un tumore è considerato benigno quando le cellule rimangono limitate ad una determinata area e l’unico danno che possono causare è quello causato dalla compressione delle zone circostanti a loro causato dalla moltiplicazione incontrollata delle cellule. Le CCM sono state spesso considerate tumori benigni.

Trombosi
E’ una massa solida costituita dalla fibrina, contenente piastrine, globuli rossi e bianchi che si forma nel normale processo di coagulazione del sangue. Può occludere parzialmente un vaso o, in casi più gravi bloccarlo completamente.

Vena
E’ uno dei grossi vasi che riporta il sangue al cuore dai capillari. Qui la pressione è molto più bassa rispetto a quella presente nelle arterie


Ultimo aggiornamento Martedì 19 Luglio 2011 08:49